Vedi profilo

Il tempo scorre lentamente con una velocità impressionante (Pino Caruso)

Notizie, curiosità e strumenti per lavorare con la giusta motivazione e la voglia di fare.
Il tempo scorre lentamente con una velocità impressionante (Pino Caruso)
di Debora Montoli • Newsletter #25 • Visualizza online
Notizie, curiosità e strumenti per lavorare con la giusta motivazione e la voglia di fare.

Segni le cose da fare nel modo corretto?
L'azione del prendere appunti o segnarsi note aiuta a catturare e a organizzare i pensieri.
Ma secondo David Allen, ideatore del metodo Getting Things Done, appuntarsi semplicemente delle note non è sufficiente.
Una buona nota non è solo una rapida annotazione, ma è uno stimolo per fare un passo in avanti.
Nicole Dieker, l'autrice del libro The Biographies of Ordinary People, riporta questo esempio:
Invece di scrivere come appunto: “Compleanno mamma”, scrivi le azioni richieste come ad esempio: “Chiedere suggerimenti per il regalo” o “Prenotare il ristorante”.
Scrivere “Compleanno mamma” obbliga a ricominciare ogni volta il processo di capire cosa deve essere fatto, senza avere una chiara idea dei passaggi da fare.
Le note devono aiutare a intraprendere un percorso che porta in avanti e quanto richiesto deve risultare comprensibile per un periodo di almeno due settimane.
Quindi, per ogni nota che scrivi, e soprattutto se deve essere letta anche da altre persone, chiediti se è abbastanza chiara da essere compresa dagli altri e se, leggendola, sarà comprensibile quando verrà riletta di nuovo dopo due settimane.
Una volta che hai l'abitudine di prendere appunti comprensibili e basati su delle azioni, sarà più facile sviluppare l'abitudine di rivederli regolarmente e fare quanto necessario.
Take Notes That Can Be Understood Two Weeks From Now
Gestione del tempo: sei realista o ottimista?
Julie Morgenstern, esperta di produttività e gestione del tempo, non è nata organizzata. Cronicamente in ritardo e con l'abitudine di perdere sempre le cose, era solita vivere in uno stato di caos.
Nel suo libro Time to Parent, spiega come sia riuscita a mettere in pratica le lezioni apprese per riprendere il controllo del suo tempo.
Secondo Julie, ci sono due approcci diversi di fronte alla gestione del tempo: chi è realista e chi è ottimista.
I realisti del tempo osservano un compito e lo analizzano da un punto di vista matematico. Sono consapevoli di quanto tempo ci voglia per svolgerlo e ne tengono conto per pianificare la giornata.
Gli ottimisti del tempo sperano di riuscire a fare determinati compiti. E questa speranza li porta a sopravvalutare i giorni pensando di riuscire a fare un sacco di cose, con il risultato di sentirsi sommersi dalla lista di attività aperte e non completate.
Come essere più realisti? Partiamo da tre consigli:
1. Fai una pausa prima di impegnarti in qualsiasi cosa. Non dire automaticamente di sì.
2.. Termina sempre ogni giorno pianificando il giorno successivo insieme ad altri due giorni.
3. Raggruppa le attività in categorie sulla base del livello di concentrazione richiesto.
Come avere grandi idee
15 minuti per ascoltare il Ted Talk di Adam Grant, psicologo e autore americano.
Ascoltiamo tre inaspettate abitudini che appartengono alle persone originali, compresa l'accettazione del fallimento.
Falliscono di più perché ci provano di più e servono molte cattive idee per averne poche buone! Non solo hanno nuove idee, ma agiscono per metterle in pratica.
Impariamo anche l'attitudine ad essere un “PREcrastinatore”, ovvero l'opposto di un procrastinatore. Cosa c'è dietro a queste attitudini così diverse?
Inoltre, le persone originali sono piene di dubbi. Ma il dubbio sull'idea non è paralizzante, è stimolante. E anche questa categoria di persone ha paura di fallire, ma la paura di non provarci e di lasciare andare le idee è più forte e permette di agire!
Produttività e senso di colpa
A volte, quando arriviamo alla fine della giornata, ci sentiamo in colpa perché non siamo riusciti a fare ciò che avremmo voluto.
Proviamo un senso di sconforto quando abbiamo fatto meno attività del previsto. La sensazione è quella di “non aver fatto abbastanza”.
Su Telegram abbiamo visto perché si crea questo meccanismo: https://t.me/alumedifare/797
CRM
Gli iscritti alla Scuola Digitale Online oggi riceveranno la seconda parte di approfondimento sull'uso di un CRM. Parleremo di pipeline e di come definire il percorso da far fare al potenziale acquirente.
La Scuola Digitale Online è un progetto nato per aiutare le persone rimaste fuori dal mercato del lavoro e che vogliono tornare a essere competitive da un punto di vista digitale.

Alla prossima settimana!
Incontri
Incontri
P.S.: pensi che questo notiziario possa essere utile a qualcuno? Invitalo a iscriversi qui: debora.ilnotiziariovirtuale.it
Ti piace questa newsletter?
Debora Montoli

Notizie, curiosità e strumenti per lavorare con la giusta motivazione e la voglia di fare.

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Debora Montoli con Revue.
Ricevi questa email perché hai scelto di iscriverti a Il notiziario virtuale di Debora.